In primo piano»
'Professione precario'

'Professione precario'

Carta di Firenze, vertenze e futuro dell'editoria i temi al centro del seminario di Aosta Una tempesta perfetta da cui si esce «con una rinnovata coesione della comunità giornalistica, con l’inclusione contrattuale di quei colleghi formalmente autonomi, in realtà precari, senza diritti e con retribuzioni sotto la soglia minima di dignità e con un equo compenso a tutela dei veri freelance».

LEGGI TUTTO

Novità»

Legge 5 aprile 2022, n. 28: disposizioni urgenti sulla crisi in Ucraina

23.04.2022
Si trasmette, per quanto di interesse, copia della circolare del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, prot. 557/PAS/U/005414/10179(33) del 14.04.2022 con cui sono state dettate alcune indicazioni operative a seguito dell’entrata in vigore della Legge 5 aprile 2022, n. 28 di conversione del Decreto Legge 25 febbraio 2022, n. 14.

SCHERMI E MINORI: ESPERIENZE A CONFRONTO PER ORIENTARSI NELL’ARCIPELAGO DEI MEDIA

21.04.2022
Schermi e minori: un rapporto attualissimo, un’interazione inevitabile che può provocare o rinforzare disagi evolutivi o, viceversa, essere portatrice di preziose opportunità educative. Un dialogo multidisciplinare per offrire strumenti e metodi per interpretare e orientarsi nel vasto arcipelago dei media.

Segnalazione di informazioni scorrette contenute nei giornali e nelle televisioni

21.04.2022
Vlog33, il canale di informazione dell’Associazione FamiLIS, ormai conosciuto e molto seguito dalla Comunità Sorda in cui le dirette live della pagina su Facebook sono occasioni di dibattito proficuo con l’obiettivo importante, tra gli altri, di contrastate la disinformazione, il pregiudizio, la falsa credenza e in generale le pratiche che recano danno alle persone sorde e alla loro dignità, favorendo il rispetto delle differenze, la comprensione reciproca e il compromesso culturale alla base della convivenza civile, ha il dovere morale di segnalarvi l’uso di affermazioni scorrette che alimentano alcuni pregiudizi sociali contro i quali la comunità delle persone sorde si batte da decenni e che costituiscono ancora oggi motivo di false credenze ai danni delle persone sorde, nonostante il costante e sistematico impegno nella divulgazione di informazioni corrette a livello istituzionale e non solo.